Construction Equipment Italia

Perché le soluzioni di trasporto a guida autonoma verranno introdotte prima in cave e in applicazioni minerarie leggere

La creazione di soluzioni in grado di offrire la massima efficienza di trasporto attraverso un'automazione avanzata è l'obiettivo di un intero settore. Per Volvo Autonomous Solutions, è probabile che ciò avvenga prima in ambienti controllati come cave e miniere.

Dopo più di un secolo di continuo e graduale sviluppo, l'industria automobilistica è ora soggetta a una rivoluzione su due fronti: da un lato il passaggio a motori elettrici teso a ridurre le emissioni e dall'altro, l'aspirazione a raggiungere il Santo Graal dei trasporti, ovvero un veicolo o una macchina che non abbia bisogno di un operatore. Sebbene siano stati fatti grandi passi in avanti per quanto riguarda lo sviluppo di una propulsione elettrica o ibrida, la progettazione di mezzi di trasporto a guida autonoma si sta rivelando più difficile da perfezionare.
“L'automazione nel settore automobilistico tradizionale deve fare i conti con grosse difficoltà in quanto si tratta di far sì che i veicoli a guida autonoma funzionino ovunque e coesistano in sicurezza con tutte le variabili della vita: auto, camion, moto, persone, cani, gatti, ecc.” spiega Perjohan Rosdahl, capo della divisione Off-Road di Volvo Autonomous Solutions. “Risolvere tutti questi problemi allo stesso tempo si sta rivelando una sfida estremamente complessa, anche per le più grandi aziende automobilistiche e tecnologiche del mondo. Il nostro approccio è iniziare in piccolo, in un ambiente ben delimitato per poi progredire gradualmente sulla base dei nostri successi. Un ambiente perfetto per iniziare è rappresentato dalle cave, dove ci sono posizioni di carico e scarico chiaramente definite su percorsi generalmente brevi.”

Iniziare con un approccio semplice per poi progredire

Il passaggio a macchine a guida autonoma non avverrà con la semplice sostituzione di una macchina guidata da un operatore con un'altra senza operatore. Le macchine a guida autonoma porteranno all'automazione dell'intero processo e richiederanno un nuovo modo di vedere l'intera attività. Volvo Autonomous Solutions è stata creata il 1° gennaio 2020 per sviluppare e commercializzare soluzioni di trasporto a guida autonoma per l'intero Gruppo Volvo.

Oltre a fornire macchine opportunamente adattate all'interno del Gruppo Volvo, Volvo Autonomous Solutions supporta i clienti di macchine a guida autonoma con soluzioni che contribuiscono a risolvere i vari problemi associati a questa tecnologia ovvero infrastruttura di supporto, torri di controllo, riparazione e manutenzione, conducenti virtuali e persino esecuzione del lavoro. “Non si tratta solo di sviluppare macchine a guida autonoma ma anche di adottare un nuovo modo di pensare” afferma Uwe Müller, responsabile vendite e marketing della divisione Off Road Solutions di Volvo Autonomous Solutions. “Si tratta di automatizzare un processo di trasporto, non di vendere una singola macchina. Per questo motivo dobbiamo sviluppare una soluzione completa per gestire l'intero processo.”

Piattaforme abilitate per veicoli a guida autonomamini-campagna-volvo-ce-perché-il-trasporto-a-guida-autonoma-avverrà-prima-nelle-cave_02

Volvo Autonomous Solutions lavora a stretto contatto con le altre aree di attività del Gruppo Volvo, in particolare con Volvo Construction Equipment per il segmento off-road. Ciò garantisce che le nuove macchine, siano esse sviluppate specificamente per essere autonome – come ad esempio il premiato dumper Volvo TA-15 – o macchine tradizionali con operatore, utilizzino le stesse piattaforme abilitate per veicoli a guida autonoma, gli stessi linguaggi di codifica, ecc. Si potrà così "comunicare con le macchine" allo stesso modo e sarà possibile aggiornare il parco macchine più facilmente. Non tutte le macchine saranno a guida autonoma, ma il fatto di essere "configurabili per guida autonoma" permetterà a Volvo Autonomous Solutions di trasformare veicoli standard in macchine senza operatore, utilizzando il proprio kit per guida autonoma.

Cave e miniere

“Per ridurre la complessità del mondo dobbiamo standardizzare il processo il più possibile,” spiega Müller. "Nelle cave possiamo farlo in quanto esse coprono un'area ristretta, sono altamente regolamentate ed è più facile separare il trasporto autonomo dagli altri processi. Prevedendo carico e scarico del materiale, il processo stesso è semplice e ripetitivo".
“Siamo partiti in piccolo da casi d'uso meno complessi e progrediremo sulla base dei nostri successi” afferma Rosdahl. “Con i giusti partner come clienti, il passo successivo potrebbe essere quello di sviluppare applicazioni per miniere sotterranee e gallerie. Infatti le macchine a guida autonoma (soprattutto quelle elettriche) funzionano bene sia al buio che alla luce, ed è bene tenere lontano il più possibile il personale da questi luoghi pericolosi. Da lì potremmo concentrarci su grandi progetti di movimento terra anch'essi su aree limitate ma che prevedono più variabili di cui tenere conto, dato che la nostra tecnologia diventerà sempre più integrata col tempo.”
Una migliore ottimizzazione dei processi, un minore consumo di energia e una maggiore sicurezza sono solo tre dei vantaggi delle macchine a guida autonoma. Ci sono dunque numerose sfide di ricerca e sviluppo da superare – ma ci riusciremo. Ma non sarà un'innovazione tecnica a produrre la svolta - per realizzarla occorreranno cambiamenti nella legislazione e un nuovo approccio su come rendere più efficace l'intero processo. Le soluzioni a guida autonoma sono in arrivo e su questo non ci sono dubbi come sul fatto che avranno un impatto dirompente sugli attuali modelli di business.

mini-campagna-volvo-ce-perché-il-trasporto-a-guida-autonoma-avverrà-prima-nelle-cave_05

PER ULTERIORI INFORMAZIONI

Anne Bast

VP Corporate Communication
Volvo Construction Equipment
Regione di vendita EMEA (Europa - Medio Oriente - Africa)
Tel.: + 46 16 5415906
anne.bast@volvo.com

Hannah Kitchener

SE10
Londra
Tel: +44 207 923 5863
E-mail: hannah.kitchener@se10.com